Qual è la differenza tra vinile e nitrile?

Igiene contro il coronavirus: guanti in nitrile, vinile e lattice

Nei telegiornali, per strada, sui social… siamo bombardati da aggiornamenti sul Coronavirus, malattia che continua ad aumentare di contagiati e che ha costretto migliaia di persone a restare in quarantena nelle proprie case per prevenire possibili contagi.


In mezzo a tutto questo vortice di informazioni, potresti aver sentito che uno dei metodi più efficaci è lavarsi le mani regolarmente, stare a un metro di distanza da chiunque abbia sintomi o evitare di toccarsi occhi, naso e bocca con le mani .che puoi trasmettere a te stesso la contaminazione superficiale.

Proprio le mani sono la parte del corpo più esposta al virus, poiché non possiamo evitare di toccare oggetti o persone ad un certo punto della giornata. Tuttavia, esiste una soluzione efficace: guanti monouso. Successivamente parleremo di quelli più comuni in modo che tu sappia qual è quello più adatto alle tue esigenze.

 

GUANTI IN NITRILE

 

I guanti in nitrile sono caratterizzati dalla loro elevata resistenza, flessibilità, adattabilità e perché sono considerati i tipi più durevoli di guanti monouso.

Questo materiale è una gomma sintetica che, poiché non contiene proteine ​​del lattice, è sicuro da usare per le persone allergiche a quest'ultimo.

Il nitrile è il più utilizzato dal personale medico sanitario, in quanto metodo preventivo contro la diffusione delle infezioni.

tipi

Troviamo due tipologie di guanti in nitrile:

Monouso: sono sottili e sensibili al tatto, anche se non per questo meno resistenti. I professionisti del settore medico e alimentare li utilizzano frequentemente.
Monouso o multiuso: sono utilizzati nelle professioni dove è necessaria una maggiore protezione come l'industria chimica.

 

GUANTI IN VINILE

 

I guanti in vinile, come i precedenti, sono adatti a persone allergiche al lattice. Sono elastici, resistenti agli agenti chimici, al cibo, all'acqua e all'olio e vengono utilizzati per compiti brevi come: ortodonzia, uso domestico, industria alimentare o uso residenziale per la pulizia dei pazienti.

Tuttavia, si differenziano dai guanti in nitrile e lattice in quanto offrono una maggiore permeabilità e una minore resistenza.

 

GUANTI IN LATTICE

 

I guanti in lattice sono realizzati in gomma naturale e si distinguono per l'elevata sensibilità, la maggiore mobilità e una migliore destrezza nel lavoro con essi, caratteristiche che li rendono quelli scelti dai professionisti del settore sanitario. Inoltre sono molto elastici, resistenti e la loro adattabilità alla presa ne consente l'utilizzo per lunghi periodi di tempo.

Al contrario, il suo uso non è raccomandato per le persone che hanno reazioni allergiche al lattice.

tipi

Ad uso esclusivo: sono rivolti soprattutto alle professioni considerate ad alto rischio, ovvero coloro che subiscono una maggiore esposizione al contagio di infezioni o per la sicurezza igienica come il settore sanitario o alimentare.
Multiuso. Si riferiscono a quei guanti che, non avendo specifiche regolamentate sul loro utilizzo, possono essere utilizzati purché se ne garantisca il buono stato.

 

SCEGLI GUANTI CON POLVERE O SENZA POLVERE?

 

Se scegli guanti con polvere, dovresti tenere conto che, essendo fatti di amido di mais, migliorano la lubrificazione quando si indossano i guanti. Ma hanno lo svantaggio di causare reazioni allergiche o irritazioni nel derma.


Per quanto riguarda i guanti senza polvere, sono ricoperti da elementi come il silicone, elastici e confortevoli, per assomigliare alle qualità dei guanti con polvere.



DIFFERENZE TRA GUANTI IN NITRILE, VINILE E LATTICE


La più grande differenza tra loro è la loro composizione, poiché il lattice ha elementi di origine naturale, a differenza del nitrile e del vinile hanno elementi sintetici. A seconda del lavoro da svolgere, vengono classificati in base a:

Resistenza: nitrile e vinile sono più resistenti a strappi e forature.
Prezzo: i più economici sono il vinile, seguito dal nitrile e dal lattice.
Allergeni: i guanti sintetici non provocano allergie.
Sensibilità: i guanti monouso in lattice sono i più apprezzati in termini di naturalezza al tatto.


RACCOMANDAZIONI PER L'USO


Lavarsi le mani prima e dopo aver indossato i guanti.
In caso di ferite alle mani, coprirle con medicazioni.
Tieni le unghie corte e prive di gioielli per evitare che si rompano.
Tenere i guanti lontano da fonti di calore e luce solare.
Una volta utilizzati, depositarli nell'apposito contenitore dei rifiuti, evitando di toccare superfici libere da contaminazioni.
Scegli la taglia giusta dei guanti. L'allentamento della punta delle dita potrebbe aumentare il rischio di tagli.
Alleghiamo un sito dove potrete trovare maggiori informazioni su tutte le misure di prevenzione e monouso che possono essere utilizzate per evitare il contagio.

Back to blog