Guanti monouso: comprendere la differenza tra nitrile e vinile

Scegliere il giusto tipo di guanto per la tua attività: resistenza, comfort e sicurezza.

I guanti monouso in nitrile e vinile sono entrambi utilizzati in ambienti sanitari e industriali, ma ci sono alcune differenze importanti tra i due tipi di guanti.

I guanti in nitrile sono realizzati con un materiale sintetico chiamato nitrile butadiene, una gomma sintetica resistente all'olio e alla perforazione. Sono molto resistenti e offrono una buona resistenza chimica, rendendoli adatti per l'utilizzo in ambienti con prodotti chimici e liquidi pericolosi. Inoltre, sono più resistenti alle perforazioni rispetto ai guanti in lattice, il che li rende adatti per l'utilizzo in ambienti con maggiori rischi di tagli. Inoltre, i guanti in nitrile sono privi di proteine del lattice, il che li rende adatti per le persone allergiche al lattice.

 

 

I guanti in vinile, d'altra parte, sono realizzati con polivinilcloruro (PVC), un materiale sintetico. Sono meno resistenti rispetto ai guanti in nitrile e possono essere meno confortevoli da indossare a lungo. Tuttavia, sono meno costosi rispetto ai guanti in nitrile e possono essere utilizzati da persone allergiche al lattice.

 

 

Entrambi i tipi di guanti sono monouso, il che significa che devono essere utilizzati solo una volta e poi buttati via. Ciò è importante per evitare la diffusione di batteri e malattie.

 

 

In sintesi, i guanti in nitrile sono più costosi, ma offrono una maggiore resistenza, resistenza chimica e resistenza alle perforazioni rispetto ai guanti in vinile. I guanti in vinile sono meno costosi ma meno resistenti e meno confortevoli. La scelta tra i due dipende dalle esigenze specifiche dell'ambiente e dalle esigenze individuali. In ambienti industriali o dove ci sono prodotti chimici o liquidi pericolosi, i guanti in nitrile sono la scelta migliore, mentre in ambienti sanitari o dove ci sono meno rischi di tagli o perforazioni, i guanti in vinile possono essere sufficienti.

Back to blog